" Quando non si può più cambiare la situazione, non resta altro che cambiare noi stessi"

                                                         Victor Frankl

​Può accadere che nella vita il peso della sofferenza, dei pensieri limitanti e di tutti quegli schemi comportamentali disfunzionali, si ripetono da così tanto tempo da non lasciare alcuna possibilità di aprirsi al nuovo, di riscoprire una nuova creatività, di ritrovare gioia, serenità e leggerezza nell'affrontare la quotidianità.

Spesso il disagio e il malessere ci tengono imbrigliati e non ci permettono di essere liberi di esprimere noi stessi per ciò che siamo davvero.

Cambiare il punto di osservazione, trasformare il dolore o la rabbia, far emergere le proprie risorse e i propri talenti, sono elementi fondamentali per intraprendere un processo di cambiamento; questo può avvenire grazie ad una relazione empatica e di ascolto che consenta di percorrere nuove strade e intravedere nuovi orizzonti. 

Marta Vittoria Gambardella- Psicologa

Campo di grano